Blog: http://luiginoscricciolo.ilcannocchiale.it

La storia del partigiano Facio, vittima di fuoco amico

Un gruppo di storici italiani, fra cui Claudio Pavone, Alessandro Portelli, Paolo Pezzino, Alberto Cavaglion, Giovanni De Luna ha firmato una petizione rivolta al Presidente della Repubblica, per chiedere l'assegnazione della Medaglia d'oro alla Memoria di Dante Castellucci (nome di battaglia ''Facio''), nel 63esimo anniversario della sua fucilazione, accogliendo l'appello in tal senso contenuto nel recente libro ''Il piombo e l'argento'' di Carlo Spartaco Capogreco. L'attribuzione si rende piu' che mai necessaria, secondo gli storici, dal momento che la figura di Castellucci, che combatte' accanto ai Fratelli Cervi e si distinse per importanti azioni partigiane nel Parmense e in Alta Lunigiana, rimane tuttora appannata nonostante la Medaglia d'Argento conferitagli nel 1963, la quale conteneva una motivazione non rispondente a verita'. La motivazione fu: ucciso dai Fascisti. In realtà il partigiano Facio fu assassinato dai suoi stessi commilitoni dopo un processo sommario. Quante storie vanno riviste. Quanto brutte storie fanno riflettere. Quanto è difficile accettare il fatto che la verità è rivoluzionaria.

Pubblicato il 26/7/2007 alle 14.0 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web