.
Annunci online

  luiginoscricciolo
 
Diario
 


 

20 anni in attesa di giustizia
dal sindacato al carcere
imputazione spionaggio


prefazione di Mario Capanna

nelle migliori librerie
o sul sito
www.memori.it






25 luglio 2007

Il fratello Borsellino accusa

Il fratello del giudice Borsellino, ucciso a via D'Amelio nel 1992, ha scritto una lettera di condanna verso la società e la classe politica, ree di sperticarsi nelle commemorazioni ma incapaci di assumersi fino in fondo il peso morale che le stragi mafiose degli anni '90 ci hanno lasciato in eredità. Ha ragione, non servono santini ma atti e fatti. Noi che fummo cari amici e compagni di Peppino Impastato comprendiamo lo stato d'animo della famiglia Borsellino.




permalink | inviato da luigino.scricciolo il 25/7/2007 alle 12:20 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


24 luglio 2007

Grazie sconosciuto ora amico

Caro Luigino,
ho letto il tuo libro, che mi ha profondamente colpito. Anche se ci siamo incontrati solo qualche volta, ho sentito il desiderio di dirti che storie come la tua toccano le coscienze di tutti, investendo la dimensione umana più intima e, nel contempo, quella sociale, collettiva. Mi auguro che da un'esperienza così dolorosa possano derivare riflessioni e comportamenti più solidali, consapevoli e rispettosi nei confronti dei nostri simili.
Potrà sembrarti paradossale, ma ciò che ho letto mi sarà utilissimo per continuare a cercare di interpretare la mia professione di nella maniera migliore. Un abbraccio




permalink | inviato da luigino.scricciolo il 24/7/2007 alle 23:26 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


24 luglio 2007

Atria, una morte pù pesante del Monte Tai

RITA  ATRIA.
A17 anni diventò testimone di giustizia, seguendo l'esempio della cognata Piera Aiello. Suo padre e suo fratello erano rimasti uccisi per una guerra di mafia. Così iniziò a collaborare con il giudice Paolo Borsellino, che per lei diventerà un secondo padre. In lui, Rita aveva trovato un punto di riferimento fondamentale per la sua scelta di sfidare la mafia del suo paese. Ogni incontro era fatto di abbracci, baci, comprensione e sostegno umano. Rita gli parlava spesso della madre che non voleva capire la sua scelta di collaborare con la giustizia. La morte del giudice Borsellino, il 19 luglio 1992, nella strage di via d'Amelio, a Palermo, sconvolse anche la vita di Rita Atria: a una settimana esatta dalla morte di Paolo, il 26 luglio 1992, Rita si lancia nel vuoto dalla casa dove viveva, al settimo piano di viale Amelia 23, a Roma. (http://italy.peacelink.org/paxchristi/)




permalink | inviato da luigino.scricciolo il 24/7/2007 alle 14:20 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


23 luglio 2007

Turco: “richiedo proposte alla comunità islamica su come regolare la vita delle moschee”

Una strana idea di integrazione, quella della Turco, chiedere alla comunità islamica consigli e proposte. No, caro Ministro, in Italia esiste la Costituzione come legge fondamentale e tutti (senza eccezione) debbono rispettare la nostra Tavola della legge. La libertà religiosa esiste già per i mussulmani. Semmai chi potrebbe lagnarsi sono gli Hindù ed altre religioni ma non certo il mussulmani. Alla richiesta se “integrazione, vuol dire donne non chiuse in casa, magari senza velo”, la Turco misura il successo dell’integrazione non dal velo. Hina chiede giustizia e la Turco non ha chiesto che le donne Ds e Lei stessa partecipasse al processo contro gli assassini come parte civile. Dopo il femminismo, la ribellione delle donne, credo che non si possano accettare “velature” che sono ostentazione religiosa anti-occidentale, violenza sulle donne ed altro in nome dei costumi e “della cultura delle loro uomini”. Mi pare che la sinistra non riesca mai a coniugare rispetto delle nostre leggi e solidarietà. Non servono patti. Sulla Costituzione non si patteggia. Mai. Altrimenti si crea un razzismo alla rovescia. Chi non rispetta la legge deve essere giudicato e ringrazi le lotte operaie e popolari se può usufruire di diritti che sono stati conquistati con lotte, morti e feriti. Quanto ai comunisti, come il mio caro compagno Ferrero, ricordino che l’Islam e la legge teocratica, ove vigente, è sempre servita per impiccarli in piazza.




permalink | inviato da luigino.scricciolo il 23/7/2007 alle 9:59 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa


22 luglio 2007

Adinolfi for president

Mario Adinolfi si candida alla guida del Partito Democrtico. I bloggers si dividono. Ma soprattutto le regole per ottenere la candidatura sono fatte in modo tale che, senza apparati, è difficile raccogliere le firme necessarie.
Pannella minaccia di candidarsi. Sarà difficile respingere il protagonismo pannelliano.
Letta si candiderà come leader di coloro che ormai pensano in euro, non hanno fatto il '68, sono nati negli anni settanta e non sono ammantati di ideologie "novecentesche".
Noi staremo a vedere. Per parte mia, a disposizione di Adinolfi.




permalink | inviato da luigino.scricciolo il 22/7/2007 alle 10:4 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


21 luglio 2007

Bassolino: "qui a Napoli la "munnezza" è come una piaga biblica.."

Il Re di Napoli, alza la bandiera bianca ma non perde ( con la Jervolino) il posto tra i 44 del Pd. Dopo 15 anni di governo tra Napoli e Campania, un sindaco che non abbia risolto la questione della "immondizia" doveva, per carità di patria, passare la mano a nuovi amministratori locali. Bassolino, salutato come salvatore di Napoli, è ormai affondato in un cumulo di immodizia. E se non fosse di sinistra sarebbe scomparso sia come leader politico sia come parlamentare. Aveva ragione D'Alema (l'ultimo vero statista che abbiamo ancora) i governatori si comportano come cacicchi o vicerè.




permalink | inviato da luigino.scricciolo il 21/7/2007 alle 10:14 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


20 luglio 2007

Padre Bossi libero

Padre Giancarlo Bossi è stato liberato. Papa Benedetto XVI: "Ho provato una grandissima gioia". Finalmente. Ma resta il dubbio: perchè Veltroni non ha messo la foto in Campidoglio? I maligni dicono: "Non l'aveva".




permalink | inviato da luigino.scricciolo il 20/7/2007 alle 10:30 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


20 luglio 2007

Pensioni: vince la Cisl. Si prevedono turbolenza in fabbrica

La firma è giunta questa mattina alle 6 e mezza, dopo oltre 8 ore di trattativa.Dal 2008 si potrà andare in pensione con 58 anni di età e 35 di contributi mentre dal primo luglio 2009 per ritirarsi dal lavoro sarà necessario avere raggiunto quota 95 come somma tra età anagrafica e contributiva. L'età minima però sarà 59 anni. La Cgil ha firmato per presa d'atto il documento del Governo, riservandosi di fare tutti gli approfondimenti oggi sul testo finale completo.
La Cisl ha portato a casa il sistema delle quote; Rifondazione ha ottenuto un rinvio nel tempo dello scalone poichè meglio l'uovo oggi che la gallina domani. Si prevedono turbolenza in fabbrica e nei luoghi di lavoro. Contenti tutti meno l'Europa e Berlusconi che vede allontanarsi la caduta del Prodi.




permalink | inviato da luigino.scricciolo il 20/7/2007 alle 10:24 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


19 luglio 2007

Qunati mi costi, depuatato mio

Il dibattito sul tema dello sperpero di denaro da parte delle istituzioni rischia di scadere, al di là dei grandi proclami, in un nulla di fatto, oppure nella più popolare antipolitica. Sarebbero infatti semplici le riforme da perseguire per abbattere i costi: diminuzione della diaria parlamentare, rigore nei benefit e nei servizi, l'abolizione del vitalizio. Intanto Marini litiga con Bertinotti per chi è più efficace. Una cosa è certa: sarà abolito il barbiere. Risultato: deputati capelloni e qualche posto di lavoro in meno. Saranno mantenuti i privilegi ed eliminate le ingenti spese per la logistica. E magari una bella sforbiciata sul numero dei deputati e senatori.




permalink | inviato da luigino.scricciolo il 19/7/2007 alle 11:31 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


19 luglio 2007

Grazie compagno Ciotti

 http://www.circoloprimomaggio.org/documenti/2007_07_18_scricciolo.html




permalink | inviato da luigino.scricciolo il 19/7/2007 alle 11:23 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

sfoglia     giugno   <<  1 | 2 | 3 | 4 | 5  >>   agosto
 

 rubriche

Diario

 autore

Ultime cose
Il mio profilo

 link

memori
enrico pili
sud est asiatico
federico rampini
pino scaccia
baghdadcafe
gull
rassegna stampa
ediesse
osservatorio balcani
outre terre
diritti genetici
sud est asiatico
Daniele Segre

Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0

Feed ATOM di questo blog Atom