.
Annunci online

  luiginoscricciolo
 
Diario
 


 

20 anni in attesa di giustizia
dal sindacato al carcere
imputazione spionaggio


prefazione di Mario Capanna

nelle migliori librerie
o sul sito
www.memori.it






26 settembre 2007

Ballarò: politica che pena! Si salva Diliberto

Ieri sera a Ballarò è andata in scena una piece teatrale devastante. Mastella spiegava che non aveva fatto niente di male, che ha sempre usufruito di occasioni previste dalla legge. E avrà anche ragione. Ma portare sull’aereo di stato un familiare in Usa porterebbe alle dimissioni. Grandi leader sono stati abbattuti dalla critica perché hanno mentito, perché la loro colf non era stata messa in regola. No, caro Mastella, tu non puoi usare l’aereo di stato per portare tuo figlio al Gran Premio. E’ vero che la moglie è stata eletta alla Presidenza del Consiglio regionale della Campania: ma la sua elezione è frutto di accordi tra le segreterie dei partiti. Certo di voti l’Udeur non ne prende quantità eccezionali. E poi, diciamolo, o voti per certe persone oppure non voti. O mangi questa finestra o salti dalla finestra.
La Russa sembrava aver capito la marea montante contro la casta. Ma l’unica cosa che difendeva è il posto. Era contrario ai due mandati. La Bindi sembrava cappuccetto rosso dentro una tana di lupi. Prometteva, prometteva e sembrava che stava al Governo per caso.
Diliberto è stato efficace ma conta come il due di briscola.
Gian Antonio Stella menava fendenti sulla casta. Tutti facevano finta di non capire la marea montante.
Pensate, aumentano le spese della Camera (ancora) e chi risponde al duo Stella-Rizzo, il questore anziano della Camera. Insomma si chiama la politica a chiarire e risponde il portiere del palazzo. Incredibile. Burlando va contromano e mostra il tesserino (non sapete chi sono io). Giordano supera la fila a sirene spiegate. Quotidianamente sono in fila e passano macchine di politici che sfrecciano con sirena spiegata per andare a fare danni. Selva sta ancora lì. Prodi promette di parlare, se cade. Parli e non stia a minacciare. E speriamo che cadendo si faccia male. Stamattina ha parlato Follini. Uno che è stato vicepresidente del Consiglio nel Governo Berlusconi dovrebbe stare zitto per almeno 2 anni. Per me è un voltagabbana. E basta.
Dopo ieri sera ho una certezza: i politici sono comici e Grillo ormai non fa più ridere ma piangere.
Una proposta: i voti bianchi, nulli e chi non è andato siano conteggiati: si lascino le poltrone vuote a futura memoria. Se non vota il 40% ci siano un 40% di posti vuoti. Intanto gli anziani non arrivano a fine mese. Cercano cose da mangiare nei luoghi di mercato quando questi chiudono o si appropriano di una pacco di pasta per mangiare. Hai capito caro Mastella, La Russa, Rpsy Bindi?
Inoltre vi pare normale che si elegge prima il segretario del Pd e poi si decide il programma? Vi pare normale che il capo del Pd lo possa votare chiunque basta che paghi un euro. Un segreterio da elemosina.




permalink | inviato da luigino.scricciolo il 26/9/2007 alle 10:19 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa

sfoglia     agosto        ottobre
 

 rubriche

Diario

 autore

Ultime cose
Il mio profilo

 link

memori
enrico pili
sud est asiatico
federico rampini
pino scaccia
baghdadcafe
gull
rassegna stampa
ediesse
osservatorio balcani
outre terre
diritti genetici
sud est asiatico
Daniele Segre

Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0

Feed ATOM di questo blog Atom